Meticcio • L’opportunità della differenza

Bruno Barba

Meticcio. L’opportunità della differenza

Prefazione di Marco Aime
Postfazione di Guido Barbujani

ISBN 9788898837540

pp. 304

15 €

Arrendetevi tutti, il meticcio arriverà.
Anzi, è già tra noi: è dentro di noi.
*
“La genetica e l’antropologia si stanno sbarazzando di un concetto, la razza umana, che non ha niente di scientifico, e ha impedito per secoli di comprendere la vera natura della diversità umana e la complessità del nostro essere biologico”.
dalla postfazione di Guido Barbujani
*
“Il libro di Bruno Barba si propone come manifesto di un nuovo modo di vedere il nostro passato e il nostro presente, rileggendo la storia in chiave di movimenti e di scambi”.
dalla prefazione di Marco Aime

L’antropologia del meticciato e il futuro dell’umanità

L’umanità è fatta di mescolanze: come insegnano le culture mediterranee, caraibiche, sudamericane, il meticciato rappresenta un destino ineluttabile: non da subire passivamente, bensì da considerare come un’occasione imperdibile per una decisa apertura alla diversità e alla scelta. È il momento di promuovere l’essere transculturale, la nuova mobilità planetaria, di affrontare il nostro tempo con strumenti interpretativi adatti, senza alcun timore. Nessuno perderà la propria identità, al contrario la rafforzerà e la celebrerà, attraverso il processo di ibridazione.

Questo saggio, in una nuova edizione ampliata e rivista, destruttura, anzi decolonizza la nostra mente, e prova a pensare per nuove categorie. Partendo dalla storia si intraprende un percorso che si pone come il ‘manifesto del meticciato contemporaneo’: una riflessione cruciale per il nostro tempo, un’affilata antropologia dell’in-differenza.

L’autore

Bruno Barba è Ricercatore di Antropologia del Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Genova. Da più di vent’anni studia il meticciato culturale e il sincretismo religioso del Brasile. Tra le sue pubblicazioni Bahia, la Roma Negra di Jorge Amado, (Unicopli 2004), La voce degli dèi (Cisu 2010), La XXXIII squadra (effequ 2010), Dio negro (Seid 2013), No País do futebol (effequ 2014), Rio (Odoya 2015), Calciologia (Mimesis, 2016), San Paolo (Odoya 2017), 1958. L’altra volta che non andammo ai Mondiali (Rogas 2018). Tra le sue traduzioni Mitologia degli Orixá (Edit 2015) di Reginaldo Prandi.

Rassegna stampa

estratto su Il Lavoro Culturale
intervista a Radio Popolare
intervista a Fahrenheit