Erbacce • Cucinare con erbe, frutti e fiori spontanei

Erbacce_003_Prima

Serenella Amdori e Nino Costa

Erbacce

Cucinare con erbe, frutti e fiori spontanei

ISBN 978 88 988 37 069

pp. 156

12 € Carrello_1

2,99 € – ebook

 

 

“Quando intralciano i nostri piani e le nostre mappe ordinate del mondo, le piante diventano erbacce”, dice l’erborista inglese Richard Mabey. Tuttavia queste erbacce possono rivelarsi molto di più di un intralcio, soprattutto se ci mettiamo a studiarle e a cucinarle. Ecco dunque un manuale, un prontuario, una storia delle piante che nascono spontaneamente dalla terra, e che si raccolgono senza il bisogno di coltivarle. Queste ‘piante vagabonde’, che possiedono impensati poteri culinari e hanno una storia profondissima, vengono qui raccontate e catalogate, e infine realizzate in numerose ricette, adatte anche alla cucina vegetariana, macrobiotica, vegana o gluten free, ma anche e forse soprattutto alla cucina  ‘onnivora’. Perché le erbacce, come si scoprirà, sono proprio dappertutto.

———-

Ma è soprattutto nello schema ecologico delle cose che le erbacce si sono ritagliate un ruolo decisivo: quello di riempire le cicatrici, gli spazi vuoti della Terra.

———-

Nino Costa, siciliano, arriva in Maremma nel ’73. Dopo aver insegnato per 17 anni Chimica nelle scuole superiori, diventa dirigente dell’Agenzia per la Protezione Ambientale della Toscana, anche spinto dai suoi interessi ambientalisti. Ha una passione per la cucina fatta di contaminazioni fra cultura maremmana, tradizione siciliana e sperimentazioni con le erbe.

Serenella Amadori nasce a Grosseto. Dopo essersi quasi laureata in Agraria, diventa tecnico caseario e si trasferisce nel Michigan per insegnare agli americani a fare il Bel Paese, ma si convince presto a tornare in Italia e dedicarsi all’azienda agricola di famiglia. Sposatasi con Nino, nel ’94 inizia assieme a lui un’attività agrituristica,  che la stimola a ri-coltivare la vecchia passione per le erbe spontanee a uso alimentare.

Le illustrazioni delle erbacce sono di Susanna Cantore.